Logo dopolavoro versalis
Attualità

Giornata internazionale della memoria dell'Olocausto 27 Gennaio 2021: Dichiarazione della presidente della Commissione Europea Von der Leyen

Pubblichiamo la dichiarazione resa da Ursula Von der Leyen in occasione del Giorno dedicato alla Memoria dell'Olocausto insieme con la strategia dell'Unione Europea volta a contrastare le forme di antisemitismo ed odio razziale. Il 27 gennaio 1945 le forze alleate liberarono il campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Il 27 gennaio celebriamo il 76º anniversario della liberazione del campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau e ricordiamo i milioni di donne, uomini e bambini ebrei e tutte le altre vittime, tra cui centinaia di migliaia di rom e sinti, assassinati durante l'Olocausto.

L'antisemitismo ha portato all'Olocausto ma, purtroppo non è finito con la liberazione dei campi di concentramento nazisti.

Mi preoccupa la recrudescenza dell'odio nei confronti degli ebrei, in Europa e nel mondo. Il periodo della pandemia ha alimentato la diffusione delle teorie del complotto e della disinformazione, spesso promuovendo discorsi antisemiti. Assistiamo a un preoccupante aumento della distorsione e della negazione dell'Olocausto.

Non dobbiamo mai dimenticare.

Ora che i siti commemorativi sono chiusi a causa della pandemia e che il numero di sopravvissuti diventa sempre più esiguo, dobbiamo trovare nuovi modi per ricordare.

Mentre i miti del complotto si diffondono sui social media, dobbiamo educare le nuove generazioni a combattere l'antisemitismo.

Di fronte al diffondersi della disinformazione, le autorità, le piattaforme sociali e gli utenti devono collaborare per garantire che i fatti storici non vengano distorti, online e offline.

Sono i fatti che contano. La storia è importante. Siamo determinati a vincere questa lotta.

L'Europa prospera quando la sua comunità ebraica e altre minoranze possono vivere in pace e armonia.

È per questo che nel corso dell'anno presenteremo una strategia volta a combattere l'antisemitismo e a promuovere la cultura ebraica in Europa."

Nel 2021 la Commissione presenterà una strategia volta a combattere l'antisemitismo e a promuovere la cultura ebraica per sostenere la lotta dei paesi dell'UE e della società civile contro l'antisemitismo. La commemorazione dell'Olocausto continuerà a rappresentare un pilastro essenziale delle iniziative tese a garantire che non dimentichiamo mai la nostra storia.

Un quadro legislativo europeo garantisce la protezione dalla violenza, dalla discriminazione e dalle manifestazioni di ostilità motivate dall'antisemitismo e permette di qualificare come reato la negazione e la distorsione dell'Olocausto in tutta Europa.

Nel 2005, con la Dichiarazione della presidente von der Leyen in vista della l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha designato il 27 gennaio come giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime dell'Olocausto. Il 27 gennaio 1945 le forze alleate liberarono il campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

La risoluzione esorta ogni paese membro delle Nazioni Unite a onorare la memoria delle vittime dell'Olocausto e a incoraggiare lo sviluppo di programmi educativi sulla storia dell'Olocausto, al fine di prevenire futuri atti di genocidio. Chiede inoltre di preservare attivamente i siti che fungevano da campi di sterminio, campi di concentramento, campi di lavoro forzato e prigioni nazisti durante l’Olocausto.

Correlati

8 marzo
Attualità 8 Marzo 2021 Giornata Internazionale della Donna

«Donne al comando, come raggiungere la parità nel mondo post-covid» è il tema che è stato lanciato dall'Onu in vista dell'8 marzo, che, da troppo tempo, dico io, chiede il diritto delle donne a prendere decisioni in tutti gli ambiti della vita pubblica, la parità di retribuzione, l'equa condivisione delle cure non retribuite e del lavoro domestico, la fine di tutte le forme di violenza, ormai intollerabili, direi insopportabili. Quest’anno non possiamo non notare come le donne siano in prima linea nella pandemia come operatrici sanitarie, assistenti, manager, organizzatrici, leader. La crisi, tuttavia, ha messo in luce sia la centralità dei loro contributi che gli oneri sproporzionati che le donne devono affrontare: un aumento della violenza domestica, dei doveri assistenziali non pagati, della disoccupazione e della povertà. Carissime noi possiamo solo continuare a chiedere ed insistere perché le parole, che hanno profondo significato, siano seguite dai fatti altrimenti sono cosa morta e, finalmente, sta crescendo la consapevolezza della necessità di fare lobby perché, solo le donne, possono promuovere efficacemente l’empowerment femminile. Come sempre il cda del Dopolavoro ha pensato a tutte, ma con uno sguardo particolare: mai come ora ci sentiamo lontane dalla socialità e, mai come ora, sentiamo il bisogno di condivisione del senso di appartenenza. Mai come ora stiamo vivendo un cambiamento verso un’economia “green” che ci coinvolge personalmente e professionalmente. Così abbiamo preparato un omaggio per ognuna di noi, un oggetto utile, ma che ci identifica e, credo, possa rammentarci che facciamo parte di una sola squadra. Vi abbraccio virtualemente e, a nome del CDA del Dopolavoro versalis, auguro Buon 8 Marzo a tutte, Donatella Frezzotti Presidente Dopolavoro Versalis

Leggi di più

Recenti

8 marzo
Attualità 8 Marzo 2021 Giornata Internazionale della Donna

«Donne al comando, come raggiungere la parità nel mondo post-covid» è il tema che è stato lanciato dall'Onu in vista dell'8 marzo, che, da troppo tempo, dico io, chiede il diritto delle donne a prendere decisioni in tutti gli ambiti della vita pubblica, la parità di retribuzione, l'equa condivisione delle cure non retribuite e del lavoro domestico, la fine di tutte le forme di violenza, ormai intollerabili, direi insopportabili. Quest’anno non possiamo non notare come le donne siano in prima linea nella pandemia come operatrici sanitarie, assistenti, manager, organizzatrici, leader. La crisi, tuttavia, ha messo in luce sia la centralità dei loro contributi che gli oneri sproporzionati che le donne devono affrontare: un aumento della violenza domestica, dei doveri assistenziali non pagati, della disoccupazione e della povertà. Carissime noi possiamo solo continuare a chiedere ed insistere perché le parole, che hanno profondo significato, siano seguite dai fatti altrimenti sono cosa morta e, finalmente, sta crescendo la consapevolezza della necessità di fare lobby perché, solo le donne, possono promuovere efficacemente l’empowerment femminile. Come sempre il cda del Dopolavoro ha pensato a tutte, ma con uno sguardo particolare: mai come ora ci sentiamo lontane dalla socialità e, mai come ora, sentiamo il bisogno di condivisione del senso di appartenenza. Mai come ora stiamo vivendo un cambiamento verso un’economia “green” che ci coinvolge personalmente e professionalmente. Così abbiamo preparato un omaggio per ognuna di noi, un oggetto utile, ma che ci identifica e, credo, possa rammentarci che facciamo parte di una sola squadra. Vi abbraccio virtualemente e, a nome del CDA del Dopolavoro versalis, auguro Buon 8 Marzo a tutte, Donatella Frezzotti Presidente Dopolavoro Versalis

Leggi di più
Industria 4 0
Tecnologia e Scienza Industria e Manifattura: come farsi trovare pronti per affrontare Industria 4.0 dal lockdown in poi

L’Industria 4.0 parte innanzitutto dalle persone: investire nelle competenze è fondamentale per un approccio smart alla manifattura, anche, e soprattutto, a livello dell’organizzazione aziendale. Le Università stanno approntando modifiche ed integrazioni ai vari corsi di laurea per creare nuove figure professionali in grado di intercettare la domanda di nuovi posti di lavoro.

Leggi di più
Polo sociale di Mantova