Logo dopolavoro versalis
Attualità

25 Novembre: Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Uno degli effetti del Covid-19 registrati sin da subito è stato l’aumento dei casi di violenza contro le donne e, conseguentemente, i bambini e le bambine. Le restrizioni dovute alla pandemia hanno peggiorato le condizioni di disagio in cui molte donne vivevano proprio per il fatto di trovarsi chiuse in casa con i loro aggressori.

Uno degli effetti del Covid-19 registrati sin da subito è stato laumento dei casi di violenza contro le donne e, conseguentemente, i bambini e le bambine. Le restrizioni dovute alla pandemia hanno peggiorato le condizioni di disagio in cui molte donne vivevano proprio per il fatto di trovarsi chiuse in casa con i loro aggressori.

Nel periodo compreso tra marzo e ottobre 2020 le chiamate al numero nazionale antiviolenza 1522 sono aumentate del 71,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Denunciare una violenza subita è un atto che richiede grande coraggio, perciò per contrastare la violenza contro le donne è necessario offrire tutela alle vittime e cambiare una cultura che contribuisce alla discriminazione di metà della popolazione mondiale.

La violenza di genere è una violazione dei diritti umani ancora largamente diffusa. In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, il 25 Novembre, occorre mettere in luce il attraverso dati ed esperienze significative, utili a conoscere e ad agire.

La violenza fisica è solo la punta dell’iceberg di numerose forme di violenza perpetrate contro le donne: stalking, violenza psicologica, economica, fisica, sessuale, e violenza assistita. Conoscere il fenomeno è il punto di partenza per estirparlo.

Per violenza economica si intende ogni atto che ha lo scopo di privare la vittima, in tutto o in parte, della propria indipendenza economica o della partecipazione al godimento e alla gestione delle finanze domestiche comuni.

Le donne costrette a lasciare il lavoro e a cui viene impedito di controllare il proprio denaro diventano dipendenti da chi esercita questa forma di violenza. Avere l’accesso al denaro significa avere uno strumento per poter vivere una vita autonoma: le vittime di violenza economica sono costrette a rinunciare alla propria indipendenza.

Secondo gli ultimi dati Istat disponibili risalenti al 2015, quasi sette milioni di donne tra i 16 ed i 70 anni hanno subito violenza nella loro vita e nella metà dei casi si tratta di violenze commesse dal partner o ex partner. Tutte le istituzioni possono, e devono, agire per contrastare la violenza contro le donne, attuando un quadro di misure integrate che comprenda politiche preventive, di contrasto e di presa in carico dei maltrattanti, oltre a politiche di monitoraggio e riparative di sostegno. Queste sono volte a garantire alle vittime coinvolte un percorso di uscita dalla violenza mediante la presenza di Centri Antiviolenza, Case Rifugio, un supporto economico adeguato.

Il Piano strategico nazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne 2017-2020 è il terzo documento programmatico di cui si è dotata l’Italia per prevenire e contrastare la violenza di genere e fornire protezione e supporto alle donne che la subiscono.

Purtroppo dall’esame del Piano è emerso che esso è stato attuato solamente al 60%; in particolare nelle azioni volte al potenziamento dei centri antiviolenza e delle case rifugio. Anche le azioni di prevenzione, fondamentali per ridurre la violenza, si sono rivelate insufficienti.

Negli ultimi tempi sono sempre di più gli accordi aziendali che prevedono misure per contrastare forme di discriminazione delle donne e, al tempo stesso, sostenere le donne che subiscono atti di violenza. Anche le aziende e le parti sociali possono avere quindi un ruolo nel limitare questo fenomeno e portare alla luce situazioni di fragilità.

DOVE CHIEDERE AIUTO

Se sei vittima di violenze e/o stalking chiama il 1522, attivo gratuitamente 24 ore su 24. Oppure il 112, il numero unico per le emergenze. In caso di pericolo immediato o di violenza subita rivolgiti alle Forze dell’Ordine, al Pronto Soccorso o al Centro Antiviolenza più vicino.

Correlati

8 marzo
Attualità 8 Marzo 2021 Giornata Internazionale della Donna

«Donne al comando, come raggiungere la parità nel mondo post-covid» è il tema che è stato lanciato dall'Onu in vista dell'8 marzo, che, da troppo tempo, dico io, chiede il diritto delle donne a prendere decisioni in tutti gli ambiti della vita pubblica, la parità di retribuzione, l'equa condivisione delle cure non retribuite e del lavoro domestico, la fine di tutte le forme di violenza, ormai intollerabili, direi insopportabili. Quest’anno non possiamo non notare come le donne siano in prima linea nella pandemia come operatrici sanitarie, assistenti, manager, organizzatrici, leader. La crisi, tuttavia, ha messo in luce sia la centralità dei loro contributi che gli oneri sproporzionati che le donne devono affrontare: un aumento della violenza domestica, dei doveri assistenziali non pagati, della disoccupazione e della povertà. Carissime noi possiamo solo continuare a chiedere ed insistere perché le parole, che hanno profondo significato, siano seguite dai fatti altrimenti sono cosa morta e, finalmente, sta crescendo la consapevolezza della necessità di fare lobby perché, solo le donne, possono promuovere efficacemente l’empowerment femminile. Come sempre il cda del Dopolavoro ha pensato a tutte, ma con uno sguardo particolare: mai come ora ci sentiamo lontane dalla socialità e, mai come ora, sentiamo il bisogno di condivisione del senso di appartenenza. Mai come ora stiamo vivendo un cambiamento verso un’economia “green” che ci coinvolge personalmente e professionalmente. Così abbiamo preparato un omaggio per ognuna di noi, un oggetto utile, ma che ci identifica e, credo, possa rammentarci che facciamo parte di una sola squadra. Vi abbraccio virtualemente e, a nome del CDA del Dopolavoro versalis, auguro Buon 8 Marzo a tutte, Donatella Frezzotti Presidente Dopolavoro Versalis

Leggi di più
Memoria 27 gennaio
Attualità Giornata internazionale della memoria dell'Olocausto 27 Gennaio 2021: Dichiarazione della presidente della Commissione Europea Von der Leyen

Pubblichiamo la dichiarazione resa da Ursula Von der Leyen in occasione del Giorno dedicato alla Memoria dell'Olocausto insieme con la strategia dell'Unione Europea volta a contrastare le forme di antisemitismo ed odio razziale. Il 27 gennaio 1945 le forze alleate liberarono il campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Leggi di più

Recenti

8 marzo
Attualità 8 Marzo 2021 Giornata Internazionale della Donna

«Donne al comando, come raggiungere la parità nel mondo post-covid» è il tema che è stato lanciato dall'Onu in vista dell'8 marzo, che, da troppo tempo, dico io, chiede il diritto delle donne a prendere decisioni in tutti gli ambiti della vita pubblica, la parità di retribuzione, l'equa condivisione delle cure non retribuite e del lavoro domestico, la fine di tutte le forme di violenza, ormai intollerabili, direi insopportabili. Quest’anno non possiamo non notare come le donne siano in prima linea nella pandemia come operatrici sanitarie, assistenti, manager, organizzatrici, leader. La crisi, tuttavia, ha messo in luce sia la centralità dei loro contributi che gli oneri sproporzionati che le donne devono affrontare: un aumento della violenza domestica, dei doveri assistenziali non pagati, della disoccupazione e della povertà. Carissime noi possiamo solo continuare a chiedere ed insistere perché le parole, che hanno profondo significato, siano seguite dai fatti altrimenti sono cosa morta e, finalmente, sta crescendo la consapevolezza della necessità di fare lobby perché, solo le donne, possono promuovere efficacemente l’empowerment femminile. Come sempre il cda del Dopolavoro ha pensato a tutte, ma con uno sguardo particolare: mai come ora ci sentiamo lontane dalla socialità e, mai come ora, sentiamo il bisogno di condivisione del senso di appartenenza. Mai come ora stiamo vivendo un cambiamento verso un’economia “green” che ci coinvolge personalmente e professionalmente. Così abbiamo preparato un omaggio per ognuna di noi, un oggetto utile, ma che ci identifica e, credo, possa rammentarci che facciamo parte di una sola squadra. Vi abbraccio virtualemente e, a nome del CDA del Dopolavoro versalis, auguro Buon 8 Marzo a tutte, Donatella Frezzotti Presidente Dopolavoro Versalis

Leggi di più
Memoria 27 gennaio
Attualità Giornata internazionale della memoria dell'Olocausto 27 Gennaio 2021: Dichiarazione della presidente della Commissione Europea Von der Leyen

Pubblichiamo la dichiarazione resa da Ursula Von der Leyen in occasione del Giorno dedicato alla Memoria dell'Olocausto insieme con la strategia dell'Unione Europea volta a contrastare le forme di antisemitismo ed odio razziale. Il 27 gennaio 1945 le forze alleate liberarono il campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Leggi di più
Industria 4 0
Tecnologia e Scienza Industria e Manifattura: come farsi trovare pronti per affrontare Industria 4.0 dal lockdown in poi

L’Industria 4.0 parte innanzitutto dalle persone: investire nelle competenze è fondamentale per un approccio smart alla manifattura, anche, e soprattutto, a livello dell’organizzazione aziendale. Le Università stanno approntando modifiche ed integrazioni ai vari corsi di laurea per creare nuove figure professionali in grado di intercettare la domanda di nuovi posti di lavoro.

Leggi di più
Polo sociale di Mantova