Logo dopolavoro versalis
Arte e Cultura

Festival della Bellezza a Verona dal 15 Giugno al 25 Ottobre 2022

In una città dove l’arte e la bellezza sono ovunque, non poteva mancare un festival che le elogiasse, valorizzandole ancor di più. Ospiti da tutto il mondo celebrano la bellezza nei teatri storici di Verona e non solo. Un calendario colmo di appuntamenti con nomi illustri dell’arte e dello spettacolo. Più di 30 appuntamenti connessi tra loro in 20 luoghi simbolo dell'arte e della cultura italiana

Solo senza la bellezza non si potrebbe più vivere, perché non ci sarebbe più nulla da fare nel mondo. Fëdor Dostoevskij

"L’Associazione Culturale Idem, con l’appoggio del Comune di Verona, organizza dal dal 15 giugno al 25 ottobre incontri culturali nei più antichi teatri della città. Le location storiche in cui si svolgono gli eventi sono il Teatro Romano, Giardino Giusti, il Teatro Filarmonico e l’Arena, ma da qualche anno a questa parte si sono aggiunti teatri anche di Mantova, Vicenza e il Vittoriale di Gardone Riviera. L’idea, però, è di estendere la manifestazione coinvolgendo teatri storici di tutta Italia in quanto simbolo del luogo dove si inscena la bellezza. In particolare sono stati eletti teatri antichi, di una bellezza senza età e dove grandi scrittori, registi, cantanti e attori hanno potuto esprimere per secoli questo concetto. Infine c’è la questione pratica."

Dunque la manifestazione di Verona sarà dedicata a 'Miti e tabù' in quanto nona edizione del Festival della Bellezza che si apre il 15 giugno al Teatro Romano di Verona con Massimo Recalcati e la sua lectio su Bibbia e psicoanalisi. Oltre 30 gli eventi in programma fino a ottobre con un omaggio a Pier Paolo Pasolini, a cent'anni dalla nascita, ricordato in diversi appuntamenti con, tra i primi annunciati, quelli con Dacia Maraini e Carlo Lucarelli.

Tra gli ospiti anche: Vinicio Capossela, Simone Cristicchi, Arianna Porcelli Safonov, Federico Rampini, Umberto Galimberti, Vittorio Sgarbi, Massimo Cacciari, Guia Soncini, Federico Buffa, Melania Mazzucco, Tullio Solenghi, Morgan e Stefano Massini.

Verona e il Veneto mantengono il centro della scena: il Teatro Romano sarà il luogo principale degli eventi - dal 15 al 21 giugno e dal 20 al 25 settembre - che andranno dalle sponde del lago di Garda, nella cinquecentesca Villa Guarienti di Brenzone, a Venezia, con appuntamenti anche in ville storiche in Valpolicella (Mosconi Bertani e Guerrieri Rizzardi a Negrar), al palladiano Teatro Olimpico di Vicenza e al Palazzo della Ragione di Padova. Altri appuntamenti alle Grotte di Catullo a Sirmione e al Vittoriale dannunziano. Riflessioni sui miti fondativi della nostra identità saranno proposte da Galimberti, Cacciari e Igor Sibaldi. Vittorio Sgarbi, Melania Mazzucco, Massimiliano Finazzer Flory e Giordano Bruno Guerri parleranno di personalità e opere di grandi artisti come Klimt e Schiele, Balthus e Leonardo. Tullio Solenghi proporrà uno spettacolo su Woody Allen, Federico Buffa uno sul Mundial 82, Morgan una lezione-concerto sui Beatles, Marco Ongaro su Serge Gainsbourg, Simone Cristicchi, in prima nazionale, un "concerto mistico per Battiato". E poi il concerto di Vinicio Capossela sugli album "mitici" dei suoi esordi e di Tasmania con sue canzoni e interpretazioni di brani cult da Ciampi a De André. Arianna Porcelli Safonov proporrà al Teatro Olimpico un monologo teatrale pensato per il Festival.

Festival della Bellezza

Programma 2022

Correlati

Venere Divina Banner Web T
Arte e Cultura " Il mito di Venere a Palazzo Te" e "Venere. Natura, ombra e bellezza", La mostra a Palazzo TE fino al 12 dicembre 2021

Curata da Claudia Cieri Via, l'esposizione si divide in nove sezioni, che mostrano la varietà delle immagini della dea dal secondo secolo avanti Cristo al Seicento, avvalendosi di monete, statue, dipinti, ma anche miniature e preziosi volumi come il De Rerum Natura di Lucrezio posseduto da papa Sesto V, ma anche Venere e Mercurio presentano a Giove Eros e Anteros del Veronese in prestito dalle Gallerie degli Uffizi di Firenze o Il giudizio di Paride di Peter Paul Rubens proveniente dalla Akademie der bildenden Künste di Vienna, o ancora Venere, Cupido e Marte di Guercino.

Leggi di più

Recenti

Polo sociale di Mantova